L’investimento responsabile cattolico — CRI (Catholic Responsible Investing) è una strategia di investimento progettata specificatamente per aiutare le istituzioni cattoliche a perseguire la loro missione fornendo solidi rendimenti finanziari, rispettando allo stesso tempo gli insegnamenti etici e sociali della chiesa cattolica.

I leader delle istituzioni cattoliche credono nell’importanza della loro missione. Le organizzazioni che dirigono ispirano le persone a creare un mondo che protegge e promuove la dignità e il valore di ogni persona donati da Dio. I servizi che forniscono, incluso l’orientamento pastorale, l’educazione, la sanità e i servizi caritatevoli si basano in parte sulle risorse finanziarie. Assicurare che queste risorse vengano investite in maniera saggia è una componente importante per perseguire la propria missione e raggiungere i propri obiettivi.

L’Investimento responsabile cattolico porta avanti una missione basata sulla fede che abbraccia la gestione di un portafoglio di investimento — permettendo a questi due principi di lavorare in armonia. Mirando al raggiungimento di rendimenti finanziari e sociali, i fiduciari possono garantire una visione ampia per l’organizzazione della missione e dimostrare che tutti gli aspetti possono esservi integrati.

“Gli azionisti cristiani e coloro che hanno un ruolo di responsabilità all’interno di istituzioni ecclesiali, proprietarie di azioni nelle società di tutto il mondo devono verificare che i fondi investiti siano usati responsabilmente. Sebbene la responsabilità fiduciaria dei curatori, sia dal punto di vista morale che legale, sia quella di assicurare un rendimento adeguato sugli investimenti per il sostegno delle opere della chiesa, la loro strategia di gestione abbraccia degli interessi morali più ampi.”

— Giustizia economica per tutti, 354